Pa’ CCONDITO…

Pa' CCONDITO...non è una normale bruschetta o una panzanella è molto di più!

 “…si o pà più bono te voi magnà
m’ pommidoro ce chiè da strofinà
solo con filetto d’oio…”

Ascoltate il tormentone del momento in versione genzanese e capirete come si prepara!

Serve il famosissimo Pane casareccio di Genzano (Castelli romani) leggero, profumato e croccante, pomodorini e un filo d’olio buono!

I pomodorini e l’olio li troviamo facilmente…per il pane dobbiamo impegnarci un pò per l’ottima  riuscita!

Il pane di Genzano è un prodotto  IGP (Indicazione geografica protetta)
Può essere a forma di filone o di pagnotta, le pagnotte  di solito vengono con la “baciatura” cioè vengono cotte attaccata l’una all’altra. Non ha i classici tagli sopra, ha una mollica leggera color avorio e una crosta croccante spolverata di tritello che in cottura le dona quel colore bruno e sapore di affumicato.

Queste sono le dosi che detta il disciplinare:
1 kg di farina zero (io ho usato la farina zero del Molino Ronci  )
700 gr di acqua
150 gr di lievito madre liquido in ottima forma
20 gr di sale
Tritello per lo spolvero.

Fasi di impasto:
– Preparare un lievitino con i 150 gr di lievito madre 150 gr di farina (presa dal totale) e 75 gr di acqua (presa dal totale) attendere circa due ore. Nel frattempo lavorare grossolanamente le restanti quantità di farina ed acqua.
– Passate le due ore impastare il tutto insieme a mano ed aggiungere alla fine il sale.
– Mettere in una ciotola con un filino d’olio sul fondo, attendere il raddoppio facendo le  pieghe (in ciotola) ogni 30 min per 3 volte.
– Una volta raddoppiato rovesciarlo sul piano leggermente unto (non ho usato farina), spezzarlo e dare una leggerissima preforma ed attendere 15 minuti circa.
– Formare sempre in modo delicato mettendolo nel cestino cosparso abbondantemente di tritello ed attendere circa un’ora e mezza (tempi dettati essendo ora il mese di luglio con temperature in casa altissime) e cuocere per circa un’ora.

Cottura:
15 minuti a 250° con vapore
15 min a 220
15 min a 200
E gli ultimi 15 minuti a 200 con lo sportello leggermente aperto per farlo asciugare un po.

Pà Condito

Print Friendly, PDF & Email
1Comment
  • Sandra Massarenti
    Posted at 16:29h, 25 luglio Rispondi

    … fantastico il pa condito !!!! Ahahahah e mo’ chi se lo leva più dalla testa? Ma soprattutto dalla tavola….. 😋

    2+

Scrivi un commento

Follow us on Instagram